You are here:  / Economia&Finanza / Bosch apre nuove strade nei settori della mobilità e della protezione ambientale

Bosch apre nuove strade nei settori della mobilità e della protezione ambientale

Bilanz-Pressekonferenz der Robert Bosch GmbH am 25.4.2018 in Renningen

 

Stoccarda e Renningen, Germania Nonostante la difficile congiuntura economica, per il 2018 Bosch punta a un’ulteriore crescita. Dopo i risultati da record conseguiti nel 2017 e considerando i rischi economici e geopolitici, il gruppo Bosch stima per il 2018 una crescita del fatturato tra il 2 e il 3 percento. Il fatturato generato dall’azienda nei primi tre mesi dell’anno si è mantenuto sui livelli elevati, conseguiti nello stesso periodo dell’esercizio precedente e al netto degli effetti valutari si evidenzia addirittura un aumento del 5 percento . “La nostra azienda non ha eguali quando si tratta di coniugare competenza nella connettività, industrializzazione e conoscenza del prodotto” ha dichiarato Volkmar Denner, CEO di Bosch, parlando alla conferenza stampa annuale tenuta a Renningen, in Germania. In cima alla lista delle priorità, Denner ha citato aspetti quali il miglioramento della qualità di vita, il contributo alla protezione ambientale e la riduzione dell’impatto sul clima: “Il nostro motto ‘Tecnologia per la vita’ ci spinge a sviluppare le migliori tecnologie possibili per la protezione dell’ambiente. Desideriamo promuovere la mobilità delle persone e, al tempo stesso, migliorare la qualità dell’aria”. Con l’obiettivo di azzerare le emissioni dei veicoli, l’azienda sta facendo cospicui investimenti, puntando alla crescita dell’elettromobilità e al miglioramento del motore a combustione.

Tecnologia diesel innovativa: emissioni NOx mai così basse 
Bosch ha conseguito un importante traguardo nella tecnologia diesel: i tecnici Bosch sono riusciti ad abbassare le emissioni NOx fino a un decimo del limite previsto dalla legge. I veicoli utilizzati nei test e dotati dotati di nuove soluzioni tecnologiche emettono già oggi appena 13 milligrammi di NOx per chilometro, una cifra molto inferiore ai 120 milligrammi che saranno consentiti dopo il 2020. Grazie alla perfetta armonizzazione di queste innovazioni l’impatto sulla qualità dell’aria dei motori a gasolio è ancora più contenuta. “C’è un futuro per il diesel. Resterà parte integrante delle soluzioni per la mobilità di domani “ ha affermato il CEO di Bosch.

Uno sguardo al 2017: fatturato e utili in crescita 
L’azienda ha realizzato vendite per 78,1 miliardi di euro con un contributo positivo da parte di tutti i settori. Nel 2017, l’EBIT ha toccato quota 5,3 miliardi di euro, con un miglioramento di quasi il 17 percento rispetto al 2016. “Il fatturato e gli utili sono i più alti mai raggiunti nella storia dell’azienda.” ha chiarito Stefan Asenkerschbaumer, CFO e Vicepresidente del Board di Bosch. Anche gli investimenti in Ricerca e Sviluppo, che nel 2017 ammontavano a un totale di 7,3 miliardi di euro, si sono mantenuti su livelli elevati.

Ecosistemi cross-domain: elemento cardine dell’IoT 
Nessun’altra azienda offre tante soluzioni connesse quanto Bosch, in ambiti che vanno dalla smart mobility, all’Industry 4.0, dalla smart-city, alla casa intelligente. A oggi, Bosch ha implementato 170 progetti IoT in-house, incentrati principalmente su sfide cruciali quali la crescita della popolazione, l’urbanizzazione e il cambiamento climatico. Nel 2017, l’azienda ha venduto ben 38 milioni di prodotti connessi, un dato che supera del 40 percento quello del 2016. Bosch impiega oggi oltre 25.000 ingegneri informatici, di cui non meno di 4.000 dedicati allo sviluppo di soluzioni per l’Internet of Things (IoT). Per l’azienda, è infatti la digitalizzazione di interi ecosistemi a offrire le prospettive future più promettenti. Home Connect, il principale ecosistema IoT per gli elettrodomestici, è già stato adottato da 28 partner industriali. L’app Home Connect può essere impiegata per gestire tutti gli elettrodomestici presenti in casa.
Bosch ha identificato un significativo potenziale negli ecosistemi cross-domain fra più settori, per esempio, “Logistics 4.0”. Tali ecosistemi fondono assieme soluzioni per processi di produzione, servizi di costruzione, sicurezza e mobilità, tutte aree nelle quali Bosch svolge un ruolo attivo. Come ha sottolineato Volkmar Denner, “Gli ecosistemi cross-domain rappresentano l’ambito IoT più avanzato in assoluto. Nessun’altra azienda è più qualificata di Bosch quando si tratta di realizzarli. Il vantaggio competitivo offerto dalla nostra capacità di diversificazione non è mai stato più significativo”.

Elettromobilità: Bosch punta alla leadership di mercato 
Bosch si sta prodigando per realizzare un salto di qualità nel campo dell’elettromobilità. Nel 2017, l’azienda si è aggiudicata 20 contratti per la produzione di sistemi di propulsione elettrica, per un valore complessivo di 4 miliardi di euro. L’azienda prevede che il mercato di massa dei veicoli elettrici si affermerà rapidamente a partire dal 2020 e non vuole mancare all’appuntamento, riservandosi un ruolo di primo piano. Bosch sta già operando in questo senso e ha avviato una collaborazione con la startup statunitense Nikola Motor Company e con l’azienda cinese Weichai Power, il principale produttore mondiale di motori per veicoli commerciali. Oltre alla sua attività nel campo dei componenti, Bosch vede anche un futuro promettente nei servizi basati sul Web, per esempio system!e, recentemente lanciato sul mercato, il cui obiettivo è rendere più pratica la guida di veicoli a propulsione elettrica.

Guida autonoma: dalla vendita di componenti alle soluzioni di sistema 
Bosch sta compiendo importanti progressi nella guida autonoma. Già a partire dal 2019, l’azienda prevede di raggiungere un fatturato di due miliardi di euro grazie alla vendita di sistemi di assistenza alla guida. Bosch sta crescendo più rapidamente del mercato, per il quale nell’anno in corso è previsto un incremento del 20 percento. Secondo le stime, le sole vendite di sensori radar e video di Bosch aumenteranno del 40 percento. “Più automazione implica maggiore complessità tecnica. In futuro, i nostri clienti avranno necessità di soluzioni all-in-one, non solo di singoli componenti. Si tratta di un altro ambito in cui la nostra competenza nei sistemi rappresenta un punto di forza” ha sottolineato Denner. Ben 4.000 ingegneri stanno sviluppando per Bosch soluzioni di guida autonoma, 1.000 in più rispetto all’anno scorso.

Guida connessa: Bosch entra nel business del ride sharing 
La mobilità connessa è un altro settore nel quale Bosch prevede di generare un importante giro d’affari. Secondo le stime, il valore di questo mercato globale toccherà i 140 miliardi di euro entro il 2022, mentre entro il 2025, sulle strade di tutto il mondo circoleranno oltre 450 milioni di veicoli connessi. Bosch è ulteriormente entrata nel business della sharing mobility attraverso l’acquisizione della start-up statunitense Splitting Fares (SPLT): ha riunito assieme SPLT e più di 20 altri fornitori di servizi mobili nella sua nuova divisione Connected Mobility Solutions. Tra queste vi è COUP il servizio di e-scooter sharing, che presto arriverà sulle strade di Madrid, in Spagna.

Risultati 2017 per settore di business 
Per il 2017, tutti i settori di business hanno fatto registrare un incremento del fatturato. Mobility Solutions ha conseguito un aumento del fatturato del 7,8 percento (9,4 percento al netto degli effetti valutari), per un totale di 47,4 miliardi di euro. Si tratta di un tasso di crescita tre volte superiore a quello dell’industria automobilistica a livello mondiale. La cifra del fatturato include (per l’ultima volta) il contributo fornito dalla divisione Bosch Starter Motors and Generators, ceduta alla fine del 2017. Il margine derivante dalle operazioni ha raggiunto il 7,3 percento, ovvero un punto percentuale in più rispetto all’esercizio precedente. Il settore di business Consumer Goods ha incrementato il proprio fatturato fino a raggiungere quota 18,4 miliardi di euro. Ciò rappresenta un aumento del 4,5 percento ovvero del 6,7 percento al netto degli effetti valutari. Il margine derivante dalle operazioni è ammontato all’8,1 percento. Il settore Industrial Technology ha visto aumentare complessivamente il proprio fatturato del 7,8 percento fino a 6,8 miliardi di euro, corrispondente al 9,2 percento al netto degli effetti valutari. Il margine derivante dalle operazioni ha raggiunto il 3,3 percento, ovvero 2,1 punti percentuali in più rispetto all’esercizio precedente. Il settore Energy and Building Technology ha realizzato vendite per 5,4 miliardi di euro, il che equivale a un aumento del 4,1 percento ovvero del 5,8 percento al netto degli effetti valutari, mentre il margine derivante dalle operazioni è ammontato al 4,4 percento.

Risultati 2017 per regione 
In Europa, il gruppo Bosch ha realizzato un fatturato pari a 40,8 miliardi di euro nel 2017. Ciò rappresenta un aumento del 5,6 percento, ovvero del 6,6 percento al netto degli effetti valutari. L’azienda ha beneficiato della ripresa registrata in diversi importanti mercati europei e del positivo andamento economico in Germania. Anche il fatturato dei paesi dell’Europa orientale, quali Russia, Romania e Turchia è aumentato significativamente. Si è assistito a una forte crescita anche nelle regioni Asia Pacifico e Africa. Il fatturato è aumentato del 13,5 percento (16,5 percento al netto degli effetti valutari), per un totale di 23,6 miliardi di euro. Al netto degli effetti valutari, il fatturato del gruppo nel Nord America si è mantenuto sui livelli dell’esercizio precedente. A causa di un calo della produzione nel settore automobilistico e degli effetti negativi del tasso di cambio, il fatturato è sceso del 2 percento nominale, portandosi a quota 12,1 miliardi di euro. Per il Sud America, invece, il 2017 è stato un anno positivo, con un aumento sostanziale del fatturato del 16,4 percento (13,2 percento al netto degli effetti valutari), per un totale di 1,6 miliardi di euro.

Organico: richiesta continua di esperti informatici e IT 
Al 31 dicembre 2017, il gruppo Bosch impiegava in tutto il mondo 402.000 collaboratori. Ciò equivale a un aumento di 12.900 unità rispetto all’anno precedente. Il numero di assunzioni è risultato particolarmente elevato nella regione Asia Pacifico e nell’Europa centrale e orientale. In Germania, la forza lavoro è stata ampliata di 3.700 unità, per un totale di 137.700 collaboratori. Nel 2018 Bosch intende assumere altri esperti e manager qualificati, in particolare, nei settori IT e dell’ingegneria informatica.

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno