You are here:  / Focus / Focus di Borsainside: “La Grecia preoccupa ma non sottovalutate il rischio Brexit”

Focus di Borsainside: “La Grecia preoccupa ma non sottovalutate il rischio Brexit”

shutterstock_98585387

MILANO, 21 APRILE 2015 – (A cura del sito Borsainside) Dopo la “Grexit” un altro spettro è pronto ad aggirarsi sui mercati finanziari: la “Brexit”, l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea a cui appartiene da più di quarant’anni. Mancano infatti meno di tre settimane alle elezioni parlamentari britanniche. Il voto del prossimo 7 maggio potrebbe avere conseguenze importanti per la tenuta del progetto europeo. Messo sotto pressione dall’ala destra del suo partito e dai successi dell’UKIP, la formazione politica nazionalista di Nigel Farage, il premier David Cameron ha promesso infatti che, in caso di vittoria del suo partito, si terrà un referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea entro la fine del 2017. I conservatori faranno campagna per il “sì”, sostiene Cameron, ma solo se Bruxelles farà importanti concessioni che salvaguardino “gli interessi britannici”.

L’esito del voto è intanto molto incerto. I sondaggi rilevano Labour e Tory praticamente appaiati intorno al 33-34%, con proiezioni sui seggi che evidenziano l’impossibilità per i due principali partiti britannici di raggiungere una maggioranza autonoma. Neppure un’alleanza con i Liberal Democratici, in caduta libera nel gradimento degli elettori, basterà probabilmente per formare un nuovo governo. Molti osservatori scommettono su una coalizione a tre, una situazione difficile e piuttosto inusuale per il Regno Unito.

Si prospetta quindi un periodo inquieto, non solo per la sterlina e la Borsa di Londra, all’indomani delle elezioni, dovuto all’incertezza politica che seguirà e ai dubbi sul rapporto futuro con l’UE. Il FTSE 100 potrebbe di conseguenza continuare a sottoperformare l’EuroStoxx 50.

L’economia britannica ha registrato durante gli scorsi trimestri una solida crescita, soprattutto grazie ai bassi tassi d’interesse. Il recente apprezzamento della sterlina dovrebbe frenare però significativamente la congiuntura durante i prossimi mesi. La maggior parte degli economisti si attende inoltre che la Bank of England avvierà una stretta monetaria al più tardi all’inizio del 2016.

Per maggiori informazioni e contenuti:

www.borsainside.com

 Su Facebook e su Google Plus

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno