You are here:  / Emozioni Film&Tv / Sociale / Ludopatia, anziani e commedia d’altri tempi al cinema per Fabio Fulco

Ludopatia, anziani e commedia d’altri tempi al cinema per Fabio Fulco

Il crimine non va in pensione é l’opera prima dell’attore Fabio Fulco, anche protagonista del film della produzione Stemo, nelle sale cinematografiche dal 15 giugno. La pellicola racconta il colpo ad un bingo, ideato da alcuni arzilli anziani (tra loro la Sandrelli, Gianfranco D’Angelo, Orso Maria Guerrini, Ivano Marescotti, Giacomo Piperno), coadiuvati da un furbetto napoletano (Fulco) e da uno scassinatore di professione (Maurizio Mattioli).

Il film è godibile e divertente, e strizza l’occhio alla classica commedia all’italiana, fatta di caratteri , aneddoti e storie per ogni personaggio ben caratterizzato, senza parolacce e sbavature. Fabio Fulco, volto di tante fiction, dirige in maniera onesta, cura i particolari, e offre un’interpretazione che lo presenta diverso e più maturo. E si trova a fare da mattatore e guida ad un super cast, tra cui la compianta Gisella Sofio. Irresistibile Maurizio Mattioli. Sempre meravigliosa, delicata ed elegante la Sandrelli.
Il crimine non va in pensione va visto, e promuove il cinema al cinema. Per gli over 70 e gli under 20 il biglietto è gratis. Il produttore Claudio Bucci sottolinea anche l’attenzione ad un tema attuale come la ludopatia, raccontata attraverso un universo variopinto di tanti personaggi, uniti da un folle piano criminale.
Stefano Telese
DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno