You are here:  / Economia&Finanza Etica / GoodNews / MILANO, Prove Aperte Scala: donati 148mila euro per la ricerca scientifica

MILANO, Prove Aperte Scala: donati 148mila euro per la ricerca scientifica

Nella foto: in piedi da sx Stefano Sanfilippo (Direttore generale Aragorn), dott. Enzo Lucchini (Presidente Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori), Anna Pace (Direttore generale UniCredit Foundation), Ernesto Schiavi (Direttore artistico Filarmonica Scala), Anna Cravero (UniCredit Foundation), Maurizio Carrara (Presidente UniCredit Foundation), Carla Mainoldi (Head of Group Giving, Events & Art Management, UniCredit UniCredit), dott. Renato Mantegazza (Direttore U.O. IV - Neuroimmunologia e malattie neuromuscolari IRCCS istituto Besta), Daniela Pezzi (Segretario Generale Fondazione IEO – CCM). In basso a sx: dott. Gianvito Martino (Fondazione Centro San Raffaele), dott. Fabrizio Tagliavini (Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta)

Nella foto: in piedi da sx Stefano Sanfilippo (Direttore generale Aragorn), dott. Enzo Lucchini (Presidente Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori), Anna Pace (Direttore generale UniCredit Foundation), Ernesto Schiavi (Direttore artistico Filarmonica Scala), Anna Cravero (UniCredit Foundation), Maurizio Carrara (Presidente UniCredit Foundation), Carla Mainoldi (Head of Group Giving, Events & Art Management, UniCredit UniCredit), dott. Renato Mantegazza (Direttore U.O. IV – Neuroimmunologia e malattie neuromuscolari IRCCS istituto Besta), Daniela Pezzi (Segretario Generale Fondazione IEO – CCM). In basso a sx: dott. Gianvito Martino (Fondazione Centro San Raffaele), dott. Fabrizio Tagliavini (Direttore Scientifico Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Besta)

Milano, 6 settembre 2016 Con una donazione complessiva di 148mila euro alle quattro organizzazioni beneficiarie, si è ufficialmente conclusa la settima edizione delle Prove Aperte della Filarmonica della Scala che in questa ultima stagione ha scelto di sostenere la ricerca scientifica condotta da prestigiosi enti milanesi.

Questa mattina nella sala Jodice dell’UniCredit Tower sono stati infatti simbolicamente consegnati quattro assegni ai rappresentanti di Fondazione IEO-CCM, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, Fondazione Centro San Raffaele e Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori che li destineranno a progetti specifici concordati al momento dell’adesione (vedi Scheda progetti 2016 in allegato).

L’iniziativa è realizzata con la collaborazione del Teatro alla Scala, del Comune di Milano, del Main Partner UniCredit e con il sostegno di UniCredit Foundation, che svolge un ruolo fondamentale nell’individuazione dell’area d’intervento e nella valutazione dei progetti delle organizzazioni non profit finanziati garantendo la copertura dei costi organizzativi.

Anche l’edizione 2016 ha registrato il tutto esaurito per ognuna delle cinque serate in programma, compresa quella inaugurale gratuita, con un totale di 9.686 spettatori. Il ricavato medio per ciascuna organizzazione è stato di oltre36 mila euro, in incremento rispetto all’anno precedente. A confermare l’altissimo tasso di fidelizzazione del pubblico delle Prove Aperte sono i 1.060 carnet acquistati per i quattro appuntamenti benefici, numero che ha consentito di coprire già dalla prima data oltre la metà della capienza del teatro.

Grazie alla generosità di solisti, direttori e professori d’Orchestra e alla partecipazione della città, in sette anni di Prove Aperte è stato possibile raccogliere oltre 860mila euro da devolvere al non profit ambrosiano.

Hanno aderito all’iniziativa 2016 i Maestri Ottavio Dantone, con il concerto del 17 gennaio a favore di Fondazione IEO-CCM; Marc Albrecht con il concerto del 14 febbraio a favore di Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta; Daniele Gatti, impegnato nel concerto del 6 marzo a favore della Fondazione Centro San Raffaele; Fabio Luisi, che ha condotto la prova del 10 aprile a favore della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori.

Le Prove Aperte costituiscono un’occasione straordinaria di accesso al Teatro alla Scala a prezzi contenuti (biglietti da € 5 a € 35) per un pubblico ampio di appassionati di musica, cui sono state destinate le introduzioni all’ascolto tenute dai critici musicali Enrico Parola, Gian Mario Benzing e Carla Moreni e dal compositore Carlo Boccadoro. Un impegno di avvicinamento della musica a un pubblico diversificato fortemente condiviso dall’Orchestra e da UniCredit.

Video del giorno

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza