You are here:  / Piazza Affari / Piazza Affari, Resoconto (16/03/15). Continua l’effetto positivo del QE della Bce

Piazza Affari, Resoconto (16/03/15). Continua l’effetto positivo del QE della Bce

Preview Image_076

MILANO, 16 MARZO 2015 – La settimana finanziaria si apre con le principali Borse europee in progresso. A Minalo, il Ftse Mib ha chiuso le contrattazioni a +0,96% a 22.930 punti. In Europa, bene il Dax (+2,24%), il Cac-40 chiude a +1,01%, il Ftse 100 a +0,94% e l’Ibex a +0,73%.

DATI MACROECONOMICI – «L’eurozona ha fatto una lunga strada ma non abbastanza per mettere fine ai dubbi sul suo futuro. Bisogna rimuovere questi dubbi che riemergono ad ogni shock e che dobbiamo accelerare il processo di convergenza economica e istituzionale». Lo ha sostenuto il presidente della Bce, Mario Draghi, che ha proseguito dicendo: «La politica ultra-espansiva non è un disincentivo per gli Stati a portare avanti le riforme. La politica monetaria crea un incentivo a fare le riforme». «I primi dati sono incoraggianti. Tra il primo ed il 20 febbraio sono state 76 mila le imprese che hanno fatto richiesta di decontribuzione per assunzioni a tempo indeterminato, come previsto dalla legge di stabilità», lo ha sostenuto il presidente dell’Inps Tito Boeri. Per quanto riguarda oltre oceano, fiacchi i dati provenienti dagli Stati Uniti. Deludono le aspettative quelli inerenti la produzione industriale a +0,1% su base mensile a febbraio (rispetto al consenso che era stimato a +0,3%). Invece, l’indice Nahb del settore immobiliare di marzo si è portato a 53 punti (mentre il consenso era a 57). Il petrolio ha chiuso in flessione a New York, dove le quotazioni cedono il 2,23% a 43,88 dollari al barile.

PIAZZA AFFARI – Sul paniere principale, in evidenza Exor (+4,61% a 41,56 euro). Bene anche i bancari: Bpm (+3,01% a 0,974 euro), Intesa Sanpaolo (+3,08%), Ubi(+1,48%), Unicredit (+1,45%) e Banco Popolare (+0,71%). Archiviano la seduta in calo Mps (-1,02%), Mediobanca (-0,34%) e Bper (-0,19%). Bene anche Azimut (+2,88% a 26,07 euro). In flessione, Saipem (-4,15% a 8,67 euro) e Eni (-2,18%).

Rosy Merola SinergicaMentis

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno