You are here:  / Storia&Tradizione / Voci dal Territorio / Ostigliano (SA), recuperiamo un pezzo di storia: le statuette di San Vito

Ostigliano (SA), recuperiamo un pezzo di storia: le statuette di San Vito

(Ph Giuseppe Conte)

 

Ostigliano/Perito (SA), 29 aprile 2019 – Nella cappella cimiteriale sono presenti due statuette. Laddove oggi sorge il cimitero vi era una piccola chiesetta dedicata a San Vito. Con la costruzione del camposanto la cappella è inglobata al suo interno. Il deterioramento è stato inarrestabile cosicché gli ultimi resti delle mura perimetrali perirono definitivamente con un movimento franoso negli anni 60 del XX secolo. Le statuette sono state a suo tempo recuperate e sistemate bonariamente nella cappella di disbrigo [oggi, per le cattive condizioni strutturali è stata privata del portone che, a suo modo, comunque riparava le statuette]. In origine le sculture erano tre, tutte in gesso (almeno così è scritto, una però, secondo me è di terracotta analizzandola superficialmente a vista). Ne è conferma in un documento di fine 800. Ne restano due, ben visibili ma nel totale abbandono. Meritevoli di assoluto restauro e di attenzione. Le piccole statue non credo abbiano grande valore monetario ma potrebbero avere ben più valenza da un punto di vista storico e culturale.

(Giuseppe Conte)

Alcune note

Tracciando un breve ritratto storico ed agiografico che riguarda il giovane martire ‘Vito’ – il quale, secondo la tradizione, fu sepolto proprio in queste terre – il suo culto assume un valore particolare nelle nostre zone. Facendo ricorso a qualche dato e ad ogni convincimento che possa ragionevolmente esserci utile, non è difficile ricostruire la presenza ad Ostigliano. La storia del Cilento ci conferma la capillare diffusione del culto di San Vito in questi luoghi; sarebbe sufficiente il solo riferimento ai paesi vicini (Valle Cilento, Matonti, ecc.) e in comunità come Pellare e Magliano Vetere che – apparentemente distanti – in passato hanno condiviso lunghe pagine di storia sotto la Baronia di Novi e le sue terre tra cui proprio Magliano e la vicina Gioi, di cui Ostigliano ha fatto parte. Una così radicale presenza può porre ad indagine anche la sola componente ‘numerica’ ma noi ci addentriamo su una particolarità decisamente più ampia.

Mentre nei luoghi di culto vitiani (in generale), si riscontra la sola presenza dell’immagine di San Vito, ad Ostigliano, nell’800, il Vescovo dell’epoca nota nella cappella consacrata al giovane Martire la presenza anche di due statuette in gesso raffiguranti San Modesto e Santa Crescenzia (Crescenzo nella popolarità) – rispettivamente il precettore e la nutrice del fanciullo -. L’affidabilità della notizia è ancora tangibile poiché, rimangono ben visibili proprio due statuette.

Eran tre(!) eran giovani e forti… neanche a dirlo ma per il profondo rispetto del luogo in cui si trovano forse è meglio ricordarlo!

Testo e foto di Giuseppe Conte

(Ph Giuseppe Conte)

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno