You are here:  / Società / Parlare di cibo? Una passione campana

Parlare di cibo? Una passione campana

 

Milano, 20 settembre 2018 – Parlare di cibo è una passione che coinvolge tutti i giorni la metà degli Italiani, ma è soprattutto in Campania a essere più sentita: qui ne discutono il 66% delle persone. È quanto emerge dalla ricerca di Squadrati “Italiani che parlano di cibo: un dibattito infinito” commissionata da Coca-Cola, che ha indagato quanto sia vera la percezione che nel nostro Paese parlare di gusti a tavola sia importante quanto lo stesso atto di mangiare.

Una tendenza costante rispetto al passato per circa la metà del campione nazionale (53%), ma percepita addirittura in crescita dal 50% degli intervistati locali, che negli ultimi cinque anni afferma di aver aumentato le proprie conversazioni sul cibo.

Dove si parla di più? Sicuramente a casa, che per l’80% degli intervistati è in cima alle preferenze, sia a livello nazionale sia locale. Poi al ristorante e sul posto di lavoro. Ma c’è un “luogo” in cui i campani amano dibattere su questo tema, distinguendosi dai connazionali: i social network. Il 32% del campione (vs. 20% della media nazionale) dichiara infatti di usare queste piattaforme, Facebook in primis, a questo scopo, facendo così della Campania la regione più social di tutte.

Ma i primati non si fermano qui. Se per la maggior parte degli italiani i momenti di conversazione sono piacevoli, in regione c’è la percentuale più alta di chi li ritiene animati. E guai a toccargli la pizza.

 

Quando, dove, con chi si parla di gusti a tavola. [Spaccato per la regione Campania]

Il 66% degli intervistati della regione Campania parla di cibo e di gusti in fatto di cibo tutti i giorni.

È la casa il regno delle conversazioni (80% degli intervistati), seguita a distanza da ristorante (51%), ufficio (46%), supermercati (41%) e social network (32%). Fra questi la piattaforma preferita per discutere di cibo è Facebook: usata a questo scopo dal 51% delle persone che dibattono sui social.

Nella classifica delle persone con cui capita più spesso di intavolare discussioni sul tema, gli amici conquistano il primo posto (segnalati dal 74% del campione) e battono il partner (al secondo con il 65% delle risposte), seguiti da colleghi (48%) e genitori (40%).

Parlare di cibo? Piacevole come mangiarlo. [Spaccato per la regione Campania]

Sul perché il tema del cibo sia così rilevante nelle conversazioni il 41% degli intervistati non ha dubbi: perché è un piacere della vita. L’essere parte della cultura territoriale viene indicato solo in seconda battuta come motivazione dal 14% del campione. Al terzo posto si posiziona il fatto che “crea unione” (10%).

L’edonismo degli italiani si rispecchia anche nel loro approccio ai momenti di conversazione su questi temi, che risultano piacevoli per il 56% dei campani (vs 54% della media nazionale), creano socializzazione per il 44% (vs 41% della media nazionale) e sono divertenti per il 30%.

Tuttavia, se nel resto d’Italia parlare di cibo mette un po’ tutti d’accordo, in Campania l’argomento è preso piuttosto seriamente e qui più che altrove il tema «surriscalda gli animi» per il 47% degli intervistati vs. 37% della media nazionale.

Di cosa parlano gli italiani nello specifico. [Spaccato per la regione Campania]

L’82% degli italiani ritiene che quello del cibo sia un argomento serio. Sarà per questo che se ne parla continuamente, prima, dopo e durante i pasti. In Campania ben l’88% degli intervistati conversa di cibo mentre è seduto a tavola. Di questi il 73% parla di ciò che sta mangiando (con un picco rispetto alla media nazionale del 67%), mentre il 20% è già proiettato a cosa mangerà durante i pasti successivi.

Fra i temi che tengono banco, qui più che altrove, emergono: come si deve cucinare un determinato piatto, di cui discute il 58% dei campani (vs. 46% della media nazionale), e la qualità degli ingredienti (57% vs. 50% della media nazionale).

Ma quali piatti appassionano di più? Su questo non c’è dubbio: è la pizza ad accendere le conversazioni. In particolare l’84% discute frequentemente sulle preferenze tra pizza alta o bassa (vs. 75% della media nazionale) e l’85% sul tipo di forno (vs. 74% della media nazionale).

 

La passione nel dibattere sulla tipologia di pizza è stata confermata anche dalla campagna “De Gustibus” di Coca-Cola che da marzo a giugno ha indagato su Facebook le preferenze degli utenti italiani. Il risultato? Sul podio, al primo posto, appunto il post dedicato alla scelta della pizza, alta o bassa, che ha totalizzato oltre 500 commenti, quasi 400 commenti per l’elezione del panino ideale con prosciutto cotto vs prosciutto crudo in un post dedicato e 340 per indicare la pasta preferita nella sfida tra quella corta e quella lunga.

Anche nei dibattiti allestiti in alcune pensiline interattive predisposte in 3 città italiane (Milano, Roma e Napoli) la pizza è stata il tema più partecipato con oltre 7.000 voti in sole due settimane di attività.

Coca-Cola Italia

The Coca-Cola Company (NYSE: KO) è una total beverage company che offre ai suoi consumatori oltre 500 brand in più di 200 Paesi. Oltre a Coca-Cola, il nostro portfolio prodotti include brand come AdeZ, FUZETEA, Royal Bliss, Fanta, Sprite, Powerade e Acque Lilia.

Per rispondere al meglio alle esigenze dei consumatori, lavoriamo costantemente per innovare il nostro portfolio, dalla riduzione dello zucchero al lancio di nuove bevande. Lavoriamo per ridurre il nostro impatto ambientale reintegrando l’acqua che utilizziamo per produrre le nostre bevande e promuovendo il riciclo dei nostri packaging.

Insieme ai nostri partner imbottigliatori, abbiamo più di 700 mila dipendenti e contribuiamo alla creazione di opportunità economiche in tutti i Paesi in cui siamo presenti.

Dal 1927 in Italia, oggi contiamo 5 stabilimenti e oltre 2.000 dipendenti. Il nostro portfolio comprende 40 prodotti, dalle bevande gassate ai tè, dalle acque alle bevande vegetali e il 60% dei prodotti dell’azienda è a ridotto, basso o nullo contenuto calorico.

Per maggiori informazioni su Coca-Cola in Italia, visitate www.coca-colaitalia.it e seguiteci su Twitter @CocaColaIt.

LEAVE A REPLY

Your email address will not be published. Required fields are marked ( required )

*

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno