You are here:  / Sociale / Voci dal Territorio / Pellare (SA), la “Spesa Sospesa”: un gesto di solidarietà verso i meno fortunati

Pellare (SA), la “Spesa Sospesa”: un gesto di solidarietà verso i meno fortunati

(Pellare (SA), Chiesa Parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo)

 

Pellare (SA), 7 gennaio 2020 – Dalla tradizione partenopea del “caffè sospeso” prende spunto l’iniziativa della “Spesa Sospesa” lanciata dal “Gruppo Famiglia” della parrocchia di Pellare, frazione del Comune di Moio della Civitella. Un gesto di solidarietà che – effettuato in maniera discreta al fine di non ledere la dignità dei destinatari – si propone di tendere una mano verso le persone meno fortunate residenti nel borgo cilentano.

«Durante l’anno e mezzo del cammino di catechesi fatto insieme alle famiglie aderenti al Gruppo, ci siamo confrontati anche sulle problematiche sociali presenti nella nostra comunità», spiega il prof. Guerino Molinaro, coordinatore del “Gruppo Famiglia” della parrocchia di Pellare, il quale aggiunge: «La spesa sospesa nasce, quindi, dal bisogno di aiutare coloro i quali stanno affrontando un momento di difficoltà, cercando di sostenerli attraverso la fornitura di beni di prima necessità». Un gesto di vicinanza alle persone che, in concomitanza con il verificarsi del rientro a Moio della Civitella di numerosi venezuelani di origine cilentana (questo a causa dell’aggravarsi delle crisi politica, economica e sociale che da anni imperversa nel Paese sudamericano, n. d. r.), diventa anche un gesto di accoglienza.

Così, dall’agosto 2019, il “Gruppo Famiglia” si è messo all’opera coinvolgendo alcuni dei negozianti pellaresi di generi alimentari e invitando le persone a fare le loro donazioni (sotto forma di somme di denaro da utilizzare per l’acquisto di beni di prima necessità, oppure effettuando direttamente la spesa da destinare a tale iniziativa). Parallelamente ai generi alimentari sono stati raccolti anche dei capi di abbigliamento. A poco a poco, la “Spesa Sospesa” ha iniziato a produrre i suoi frutti. Alla luce di ciò, i promotori dell’iniziativa hanno deciso di distribuire durante il periodo delle festività natalizie il risultato della generosità degli abitanti di Pellare. In tal modo si è permesso ai destinatari della raccolta di poter vivere in maniera più serena il Natale. Donando, allo stesso tempo, a chi ha compiuto questo piccolo gesto, la possibilità di cogliere il senso vero e profondo di tale solenne festività. Restando umani perché, come dice il Vangelo (Matteo 25, 35- 36): «[…] io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.»

Dopo la distribuzione della raccolta fatta durante l’anno appena trascorso, la “Spesa Sospesa” prosegue nel 2020 con l’auspicio di effettuare una seconda distribuzione durante il periodo di Quaresima.

Rosy Merola

Articolo pubblicato anche su Salerno Today:  http://www.salernotoday.it/cronaca/pellare-la-spesa-sospesa-un-gesto-di-solidarieta-verso-i-meno-fortunati.html

Definisco il mio percorso professionale come un “volo pindarico” dalla Laurea in Economia e Commercio al Giornalismo. Giornalista pubblicista, Addetta stampa, Marketing&Communication Manager, Founder di SinergicaMentis. Da diversi anni mi occupo della redazione di articoli, note e recensioni di diverso contenuto. Per il percorso di studi fatto, tendenzialmente, mi occupo di tematiche economiche. Nello specifico, quando è possibile, mi piace mettere in evidenza il lato positivo del nostro Made in Italy, scrivendo delle eccellenze, start-up, e delle storie di uomini e donne che lo rendono speciale. Tuttavia, una tantum, confesso di cadere nella tentazione di scrivere qualcosa che esula dalla sfera economico-finanziaria (Mea Culpa!). Spaziando dall'arte, alla musica, ai libri, alla cultura in generale. Con un occhio di riguardo nei confronti dei giovani esordienti e di quelle realtà che mi piace definire "startup culturali". Perché, se c'è una frase che proprio non riesco a digerire è che: "La cultura non dà da mangiare". Una affermazione che non è ammissibile. Soprattutto in Italia.

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del Giorno

error: Content is protected !!