You are here:  / CaffèLetterario (3.0) / Calamaio e Penna... / Rosy Merola: l’amore ha il profumo semplice dei fiori di campo

Rosy Merola: l’amore ha il profumo semplice dei fiori di campo

(ph Rosy Merola)

 

«Non è vero che non credi all’amore…», così scriveva Oriana Fallaci. Una frase che mi è venuta in mente ieri, mentre rientravo a casa all’ora del tramonto. Colpa di un improvviso déjà-vu. Infatti, quando ero ragazzina e per molti anni dopo, capitava spesso di assistere – in quel particolare momento della giornata – alla stessa scena. Si preannunciava con la voce in lontananza di un signore, “nu zio” (nel mio paese e in molti paesi cilentani si è soliti chiamare “zio/zia” le persone di una certa età, a prescindere che ci sia o meno un vincolo di parentela. Questo, perché, usare il termine “signore/a” viene percepito dall’interlocutore in questione (almeno in passato) come qualcosa di troppo impersonale, distaccato – per alcuni, in un certo senso, quasi “offensivo” – in un paese dove ci si conosce tutti, n.d.r.) che canticchiava i versi di qualche vecchia e allegra canzone di rientro dal lavoro nei campi. Tutto ciò, nonostante l’impegnativa giornata lavorativa e l’impervia salita che doveva affrontare. Una cosa che, di per sè, metteva di buonumore. Continuava a cantare fino a quando incrociandomi, con un dolce sorriso e con una gentilezza particolare, diceva: «Buonasera, signorina. Spero tutto bene. Mi raccomando saluti a casa…». Ovviamente rispondevo – ricambiando i saluti -, mentre lui proseguiva il cammino.

Tuttavia, un giorno – osservando che nel secchio dove trasportava alcuni attrezzi da lavoro e una bottiglia d’acqua, c’era sempre un mazzolino di fiori di campo – mi permisi di dirgli: «Tutti i giorni passate con questo bel mazzolino di fiori!». Lui, con un sorriso ancora più dolce del solito puntualizzò (la risposta era in dialetto, ma qui la scrivo in italiano): «Sono per la mia amata signora (moglie) che sta a casa e mi aspetta sempre. Anzi, è meglio che mi sbrighi, se no si preoccupa. A domani, se Dio vuole, “oi nenna”». A sentire ciò, non replicai, ma rimasi molto colpita da questo pensiero che – quotidianamente (e fino a quando le sue gambe hanno avuto la forza per fargli raggiungere i campi) – lui aveva nei confronti della moglie. Un gesto semplice, ma – allo stesso tempo – carico di amore incondizionato. Un amore che, nonostante la fatica e i sacrifici che potevano venire da una vita vissuta nei campi, non mancava di essere intriso di poesia; di cogliere la bellezza delle piccole ma grandi cose.

Una immagine dolce che avevo sedimentato in qualche angolo del cuore e che, probabilmente, i colori del tramonto di ieri hanno di colpo ridestato. Così, ritornando ai giorni moderni, pensando “agli amori dalle gambe corte”, oppure allo squallore a cui spesso si assiste, in generale, sui social (ovviamente, ci sono anche belle eccezioni!), ritorno alla citazione iniziale della Fallaci, che così prosegue: «Ci credi tanto (all’amore) da straziarti perché ne vedi così poco, e perché quello che vedi non è mai perfetto.»

E chest’è.

Rosy Merola

Definisco il mio percorso professionale come un “volo pindarico” dalla Laurea in Economia e Commercio al Giornalismo. Giornalista pubblicista, Addetta stampa, Marketing&Communication Manager, Founder di SinergicaMentis. Da diversi anni mi occupo della redazione di articoli, note e recensioni di diverso contenuto. Per il percorso di studi fatto, tendenzialmente, mi occupo di tematiche economiche. Nello specifico, quando è possibile, mi piace mettere in evidenza il lato positivo del nostro Made in Italy, scrivendo delle eccellenze, start-up, e delle storie di uomini e donne che lo rendono speciale. Tuttavia, una tantum, confesso di cadere nella tentazione di scrivere qualcosa che esula dalla sfera economico-finanziaria (Mea Culpa!). Spaziando dall'arte, alla musica, ai libri, alla cultura in generale. Con un occhio di riguardo nei confronti dei giovani esordienti e di quelle realtà che mi piace definire "startup culturali". Perché, se c'è una frase che proprio non riesco a digerire è che: "La cultura non dà da mangiare". Una affermazione che non è ammissibile. Soprattutto in Italia.

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno