You are here:  / Emozioni Film&Tv / ‘Territori da cucire’ del Teatro delle Ariette: “Valsamoggia, la vita attorno a un tavolo”, film di Stefano Massari

‘Territori da cucire’ del Teatro delle Ariette: “Valsamoggia, la vita attorno a un tavolo”, film di Stefano Massari

Stefano Massari

Reduci dal grande successo riscosso con “Teatro da mangiare?” al Teatro Argentina, in apertura della nuova stagione del Teatro di Roma, il Teatro delle Ariette prosegue con la quarta fase del progetto Territori da Cucire, realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale CARTABIANCA e Fondazione Rocca dei Bentivoglio, con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Regione Emilia-Romagna, Comune di Valsamoggia.

 

Sabato 26 settembre (ore 19) presso la Rocca dei Bentivoglio di Bazzano e sabato 3 ottobre (ore 19) al Teatro Comunale di Savigno sarà presentato in prima assoluta VALSAMOGGIA, LA VITA ATTORNO A UN TAVOLO, il film che Stefano Massari ha realizzato seguendo con la telecamera tutte le tappe del progetto.

«Dopo 26 anni che vivi in un posto – scrivono le Ariette – può succedere di non riuscire più a vederlo come realmente è, e di non accorgersi di quanto è cambiato. Crediamo che il territorio non sia solo un’entità geografica e amministrativa, ma anche e soprattutto una rete di relazioni tra esseri umani, e allora abbiamo voluto incontrare e ascoltare chi oggi nel nostro territorio ci vive».

Per questo è nato il progetto “Territori da cucire” che, iniziato nel mese di marzo, arriva adesso alla sua quarta e ultima tappa: la proiezione del film di Stefano Massari “Valsamoggia, la vita attorno a un tavolo”. Pensato per i cittadini del territorio del nuovo comune di Valsamoggia (nato nel gennaio 2014 dalla fusione dei cinque comuni di Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monteveglio e Savigno, in provincia di Bologna), l’obiettivo del percorso è quello di raccontare il territorio e i suoi abitanti, di proporre una riflessione sul tema della relazione tra piccolo e grande, locale e globale, individuale e sociale, partendo dai cittadini, coprotagonisti della creazione artistica, e dalle loro storie, paesaggio umano da cucire.

 «Siamo andati in giro per le frazioni del nostro nuovo comune con il grande tavolo dello spettacolo “Teatro da mangiare?” a raccontare la nostra storia e ad ascoltare le storie di chi veniva a incontrarci. E tutte queste storie hanno rivelato la trama di un tessuto nascosto. È quel tessuto che chiamiamo comunità. Abbiamo conosciuto tante vite, tante facce e tante umanità differenti. Abbiamo visto tanti luoghi belli, nascosti, selvatici, a tratti feriti da reti arancioni. E ci siamo innamorati di nuovo di questo posto (che adesso si chiama Valsamoggia) e della gente che lo abita».

Il film di Stefano Massari, che ha documentato con la telecamera tutte le tappe del progetto, racconta proprio questa straordinaria avventura fatta d’incontri e sorprese, un’avventura che sicuramente sarà ripetuta il prossimo anno.

La presentazione sarà una restituzione-festa con l’allestimento di uno spazio pubblico con un grande schermo, ghirlande luminose e tavolate per accogliere un banchetto popolare preparato e gestito dagli “ospiti” stessi.

Ingresso libero fino a esaurimento posti

prenotazioni e informazioni: 051-6704373

www.teatrodelleariette.it – [email protected]

 

 

Territori da cucire è un progetto del Teatro delle Ariette

in collaborazione con

CARTABIANCA

con il contributo di

Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

Regione Emilia-Romagna

Comune di Valsamoggia

Video di Stefano Massari di presentazione del progetto

http://youtu.be/lTkRbUnJ9EE

SinergicaMentis su Twitter

Video del Giorno

In evidenza

error: Content is protected !!