You are here:  / Politica / Incendi, Rostan (Mdp): “Si dichiari lo stato di emergenza”

Incendi, Rostan (Mdp): “Si dichiari lo stato di emergenza”

Napoli, 17 luglio 2017 – “È ora che le autorità preposte dichiarino lo stato di emergenza per la situazione degli incendi sul territorio regionale della Campania”. Lo chiede la deputata napoletana di Articolo Uno Movimento democratico progressista, Michela Rostan. “La quantità di roghi che si sta consumando – dice la parlamentare – soprattutto nella provincia di Napoli ha le caratteristiche di una vera e propria situazione di emergenza. Non solo il Vesuvio, dove la situazione resta critica. Ma anche gli Astroni, Pozzuoli, Camaldoli, Posillipo, Giugliano e l’area nord di Napoli. Con roghi di varia natura, di diversa origine, ma con lo stesso devastante impatto sulla vita delle persone. Vengono distrutti ettari di vegetazione e soprattutto si rende l’aria, ormai, in tutta la città metropolitana, irrespirabile. Il Governo nazionale, la Regione, le autorità devono lavorare d’intesa, insediando un tavolo speciale, con azioni mirate e coordinate, partendo dall’inevitabile dichiarazione di stato di emergenza”.

(Riceviamo e pubblichiamo)

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno