You are here:  / Istruzione/Formazione / Voci dal Territorio / Milano, risorse per gli alunni disabili: che fine hanno fatto le promesse di Città metropolitana e Regione?

Milano, risorse per gli alunni disabili: che fine hanno fatto le promesse di Città metropolitana e Regione?

Milano, 23 gennaio 2017 – Sin dallo scorso settembre la Città metropolitana di Milano ha chiesto alla Regione Lombardia risorse aggiuntive specifiche per l’inclusione scolastica di studenti con disabilità.

Il 10 gennaio 2017 un comunicato stampa della Città metropolitana dava conto della soluzione del problema, scrivendo “da domani i ragazzi potranno rientrare in classe con la certezza che la soluzione è risolta”. Si faceva riferimento a un incontro tra il consigliere delegato al Bilancio, Franco D’Alfonso, e l’assessore regionale all’Economia, Massimo Garavaglia, nel quale la Regione avrebbe assicurato la propria disponibilità a coprire il servizio per i mesi a venire “fino al termine dell’anno scolastico”. La vice sindaca della Città metropolitana di Milano, Arianna Censi, aveva dichiarato allora: “Siamo soddisfatti di questa parziale ma positiva conclusione di una collaborazione istituzionale che anticipa, ne sono certa, la risoluzione totale di un problema che si trascina da troppo tempo.

Sono almeno 2500 gli alunni tra scuole dell’infanzia, scuole primarie e secondarie che avrebbero diritto all’assistenza educativa o all’assistenza alla comunicazione.
171 di questi sono seguiti in diverse scuole di Milano dalle 10 organizzazioni firmatarie, e in questo momento non ricevono il servizio; di conseguenza, diversi operatori delle organizzazioni non hanno ripreso il loro lavoro.

Denunciamo la gravità della sospensione del servizio -spiega Emanuele Bana, presidente della cooperativa COMIN di Milano, una delle organizzazioni firmatarie- e chiediamo che ai proclami seguano i fatti. Ovvero che il servizio sia ripristinato quanto prima. La gravità è su tre fronti -conclude Bana-: sospensione del servizio per minori e famiglie; e dal punto di vista del lavoro, per gli educatori impiegati nel servizio scolastico e per le organizzazioni che si fanno carico dei livelli occupazionali degli operatori assunti”.

Firmato:

Coesa, COGESS, COMIN, CRESCO, Diapason, FABULA, IL MELOGRANO, SPAZIO APERTO SERVIZI, TEMPO PER L’INFANZIA, WILLYDOWN

(Riceviamo e pubblichiamo)

 

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno