You are here:  / Società / REINVENTING 2018 – Fundraising Survey Italia 2018: Italiani sempre più attratti da acquisti solidali

REINVENTING 2018 – Fundraising Survey Italia 2018: Italiani sempre più attratti da acquisti solidali

 

Milano, 7 giugno 2018 – Tra i consumatori italiani c’è una spiccata propensione ad acquistare prodotti che sostengono cause benefiche. Il dato emerge dall’innovativa ricerca Fundraising Survey Italia 2018, realizzata dalla società Emotional Marketing e commissionata da Atlantis Company, azienda specializzata nella consulenza e nella comunicazione nel settore nonprofit.

Lo studio – condotto attraverso tecniche innovative basate sull’analisi delle emozioni e fondato sui dati derivanti da mille questionari somministrati via web incrociati con bigdata in costante aggiornamento sull’immaginario emotivo degli italiani – è stato presentato in occasione della quarta edizione di “Reinventing”, il tradizionale appuntamento dedicato all’innovazione e allo sviluppo del fundraising, della comunicazione sociale e della Corporate Social Responsibility promosso da Atlantis Company.

In particolare, dalla ricerca emerge che ben l’83 per cento per cento degli intervistati sarebbe disposto ad acquistare un prodotto sapendo che parte degli incassi saranno utilizzati per finanziare una causa benefica; una percentuale che arriva a sfiorare il 90% se si specifica che il contributo solidale non comporta un aumento del costo del prodotto, ma che non precipita, attestandosi al 72%, quando si segnala, invece, un piccolo aumento del costo finale.

Non tutti i prodotti e non tutte le cause benefiche ottengono, però, gli stessi risultati. Dalla ricerca risulta, ad esempio, che i consumatori, a prescindere dalla tipologia del prodotto acquistato, tendenzialmente preferiscono sostenere associazioni che sostengono la ricerca scientifica contro gravi malattie e la tutela dei minori, ma anche che coloro che acquistano prodotti per animali sono molto più sensibili ai temi connessi agli amici a quattro zampe e all’ambiente. Lo studio rivela, inoltre, che anche le modalità di sostegno dichiarate dalle aziende e l’approccio comunicativo delle associazioni sostenute influenzano sensibilmente le intenzioni di acquisto dei consumatori.

In relazione al profilo dei donatori, la ricerca Fundraising Survey Italia 2018mette in luce che il 52% per cento del campione analizzato ha sostenuto economicamente una causa benefica negli ultimi 12 mesi e che si tratta per lo più di donatori episodici. I donatori costanti sono, invece, soprattutto persone con più di 55 anni e rispondono ad un preciso profilo emozionale, più sensibile a determinate tecniche di comunicazione che ad altre. Il profilo emozionale dei donatori è indicativo anche in relazione all’importo delle donazioni, che mediamente si attesta sui 51 euro, ma che è decisamente più alto per alcune specifiche fasce di popolazione. In relazione alle modalità di donazione la parte da leone viene svolta dalle donazioni in contanti (21%), dalle donazioni on line attraverso carte di credito (19%) e dal bollettino postale (16%).

Dallo studio commissionato da Atlantis Company, oltre ad importanti spunti per le aziende in relazione alle azioni di Corporate Social Responsibility, emergono innovative fotografie del settore nonprofit, con focus sul “profilo emozionale” delle associazioni, dei donatori e dei soggetti inclini a diventarlo.  L’aspetto più rilevante è che ben il 67% delle persone che hanno dichiarato di non aver mai fatto una donazione sarebbe disposto a farla se trovasse una causa convincente. «Un dato che si traduce in un vero e proprio esercito di potenziali donatori che le associazioni potrebbero raggiungere semplicemente imparando a raccontarsi in maniera efficace e che lascia trasparire le altissime potenzialità della collaborazione tra profit e nonprofit, con vantaggi strategici per entrambi i settori», sottolinea Francesco Quistelli, fondatore e Ceo di Atlantis Company.

Dalla ricerca “Fundraising Survey Italia 2018” risulta, infatti, che l’analisi approfondita di scenari e contesti connessi alle emozioni permette di individuare il target elettivo di ciascuna onlus e offre importanti indicazioni alle aziende sul fronte Corporate Social Responsibility. «Ciascuna associazione – spiega il Ceo di Atlantis Company –  si incardina in uno specifico quadro emozionale e conoscerne le tinte è fondamentale per impostare una strategia di comunicazione efficace e per avviare collaborazioni realmente e reciprocamente vantaggiose con le aziende». «L’approccio emozionale – conclude Quistelli – ha senza dubbio altissime potenzialità: permette alle aziende di legarsi alle onlus più adeguate al proprio bacino di consumatori e alle associazioni di investire meglio e con maggiore efficacia le proprie risorse, migliorando così la capacità di generare risorse indispensabili per affrontare le tante sfide che un’organizzazione nonprofit deve affrontare per il bene comune».

 

APPROFONDIMENTI SU REINVENTING 2018:

La quarta edizione di “Reinventing” – l’appuntamento dedicato all’innovazione e allo sviluppo del fundraising, della comunicazione sociale e della CSR promosso da Atlantis Company –  si è tenuta giovedì 7 giugno a Milano presso la Sala Dino Buzzati (via Eugenio Balzan, 3).

Ricchissimo il programma, con relatori di spicco, case-history, testimonianze e la presentazione di una recente ricerca di Emotional Marketing legata al fundraising; il tutto unito dall’obiettivo di sensibilizzare sul ruolo e sull’impatto sociale sempre crescente del terzo settore, creare networking e confrontarsi sulle ultime novità e i trend futuri.

Anche quest’anno l’evento ha unito piccole e grandi associazioni non profit, referenti per le attività legate al sociale di grandi aziende e fondazioni, esperti di comunicazione sociale, i media legati al mondo del sociale, studenti e, più in generale, chiunque sia appassionato di non profit.

Tra i protagonisti di questa edizione OVS, Auchan, Fondazione Tim, Cbm Italia Onlus e Greenpeace, che hanno raccontato il perché delle loro scelte strategiche, le principali criticità affrontate, le soluzioni adottate, le prospettive future del fundraising e della responsabilità sociale di impresa. Presenti anche giornalisti del mondo non profit, come Paolo Foschini (cronista di Buone Notizie del Corriere della Sera) ed esperti di comunicazione come Paolo Iabichino e Alberto Contri (Presidente di Pubblicità Progresso) che hanno illustrato le recenti dinamiche della comunicazione sociale. La giornata è stata arricchita da momenti speciali grazie alla partecipazione del coach Francesco Chiappero, dei B-Livers e di La Stravaganza Onlus che ha messo in scena una particolare performance teatrale.

Durante la sessione dedicata al fundraising è stata presentata in anteprima un’innovativa ricerca sui comportamenti dei donatori. Ciascuna associazione si incardina in uno specifico quadro emozionale, conoscerne le tinte è fondamentale per impostare una strategia di comunicazione e di fundraising efficace” sottolinea Francesco Quistelli, CEO e Fondatore di Atlantis Company, che ha focalizzato il proprio intervento sull’innovativa ricerca “Fundraising Italia 2018” volta a definire, sulla base dell’analisi di scenari e contesti connessi alle emozioni, il target elettivo di ciascuna onlus e le tecniche più adeguate per trasformarlo in un bacino di donatori fedeli. Molto interessante, in particolare, il focus sulla percezione che i consumatori hanno del rapporto tra mondo profit e non profit.

Reinventing è un’occasione unica per ascoltare dal vivo la voce di chi ogni giorno si impegna a disegnare nuove strade, condividere le esperienze dei professionisti del settore e buone pratiche, confrontarsi e creare networking. Tante esperienze reali nate da approcci strategici consolidati ma anche innovativi, con un unico obiettivo: garantire sostenibilità alle cause sociali e dare energia al cambiamento.

Le tre sessioni del convegno sono state moderate da Nicoletta Polla Mattiot, Direttore HOW TO SPEND – Il Sole 24 Ore; Luciano Moia, Caporedattore del mensile di vita familiare Noi famiglia & vita ad Avvenire e Francesco Quistelli, CEO di Atlantis Company. “Il fil Rouge è il concetto di sfida: reinventarsi per reiventare il futuro ogni giorno”, conclude Quistelli.

LEAVE A REPLY

Your email address will not be published. Required fields are marked ( required )

*

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno