You are here:  / CaffèLetterario (3.0) / Calamaio e Penna... / Lettera d’amore, Giuseppe Mazzini a Giuditta Bellerio Sidoli: “Sogno di te, vivo per te…”

Lettera d’amore, Giuseppe Mazzini a Giuditta Bellerio Sidoli: “Sogno di te, vivo per te…”

Berna, aprile 1835

Giuditta, la mia Giuditta – che io possa dirti una volta nella mia lingua, nella tua lingua che mi sei cara, che ti amo disperatamente, che ti amo ogni giorno piú, che né tempo, né altro farà mai che io t’ami meno, che penso a te sempre, sempre, che sogno di te – che vivo per te – che ti ricordo come un prigioniero la patria, e la libertà, che da te sola mi vien gioia, e dolore; – che t’ho amata, e ti amo come né posso dirti, né tu, perdonami, puoi intendere, né forse è bene che tu intenda. – Cara tanto, Angiolo mio, di’, m’ami tu ancora? – potresti dirmelo ancora con vera gioia? un mio bacio ti farebbe piacere, e tu dandomi un bacio, un lungo bacio, vedresti sfumar tutto, tutto dimenticheresti, tutto fuorché il nostro bacio? Se tu sapessi, Giuditta, con che profonda melanconia ti dico queste cose: se tu sapessi come mi vien voglia di piangere, di piangere tanto, scrivendoti! – vedi, v’è tanta devastazione nella mia anima, che tu, se avessi potuto vederla tutta questa mia anima, come io te la recava quella notte quando tu mi dicesti: ah! resta, quando io ti diedi un bacio sulla testa, ti ritireresti oggi di spavento. – Era un amore la mia anima, era un bacio, era un profumo che io voleva versar tutto a’ tuoi piedi – ora è una rovina – una landa inondata, un deserto, sul quale la vegetazione non viene che a tratti, qua e là, sparsa, interrotta. – Ho sofferto tanto, – ho pensato tanto – ho sentito tanto, te, me, il mio avvenire, la fatalità, le angoscie di quella disperazione, – non violenta, non tempestosa, – contro la quale, quando si ha un’anima forte, si reagisce, si lotta, si vince; ma di quella fredda, muta, sorda, che stilla a gocce sul core, che oggi s’impossessa d’una parte di te, domani d’un’altra, finché l’ha tutto; ti domina, t’investe, ti diventa destino, natura, vitalità!
[..]
Ma ti dirò di me un’altra volta ma non oggi, non oggi che mi pare di parlarti per la prima volta dopo tanto tempo, non posso che dirti cara, mandarti i miei baci e la mia carezza e domandarti la tua – e stringerti al mio core. Oh! Se tu sapessi come batte! Addio – addio – ti abbraccio.

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno