You are here:  / De gustibus... / Tradizioni pasquali, dalla schiacciata toscana alla pastiera napoletana: viaggio tra le tavole italiane con Gnammo

Tradizioni pasquali, dalla schiacciata toscana alla pastiera napoletana: viaggio tra le tavole italiane con Gnammo

Uova, agnello, erbe, verdure di stagione e tanto cioccolato. Pasqua è alle porte e con lei gli ingredienti e i piatti caratteristici di questo periodo dell’anno.

L’Italia, però, è un Paese con tantissime tradizioni: ciò che si trova sulle tavole della Liguria, probabilmente, non è ciò che riempie quelle della Sicilia. Per questoGnammo, la piattaforma italiana di social eating, ha deciso di compiere un viaggio da nord a sud per curiosare nelle cucine della nostra penisola e scoprirequali sono i piatti più caratteristici di ogni regione. Un percorso nelle tradizioni e nei sapori del nostro Belpaese!

Torta Pasqualina, Liguria – La Torta Pasqualina è riuscita a conquistare l’Italia intera partendo dalla Liguria. Questa torta salata, che pare sia nata addirittura nel 1400 nell’area di Genova, è composta da una sottile pasta sfoglia ripiena di ricotta, uova, spinaci o biete e altre erbe di stagione che spesso nascevano – e nascono tutt’oggi – spontaneamente negli orti e nei prati.

Fugassa, Veneto – La Fugassa (focaccia, in italiano) è un dolce che non può mancare sulle tavole venete del periodo pasquale e spesso sostituisce la classica Colomba, più diffusa nel resto d’Italia. Si dice sia nata secoli fa dall’inventiva di un fornaio trevigiano che, alla ricerca di un dolce povero da regalare ai suoi clienti in occasione della Pasqua, prese la base del pane e aggiungendo uova, un po’ di burro e di zucchero ottenne un impasto incredibilmente leggero e soffice. Oggi se ne possono trovare con diversi aromi, dal cedro alla vaniglia, ma tutte rigorosamente ricoperte di zuccherini che regalano un po’ di croccantezza in più.

Schiacciata di Pasqua, Toscana  Per assaggiare la vera Schiacciata di Pasqua toscana pare si debba raggiungere Livorno. Questo dolce alto e morbido, più simile a una focaccia che a una schiacciata vera e propria, è un insieme di farina, zucchero, burro, olio, uova e lievito di birra, aromatizzato grazie a ingredienti dalla forte personalità come l’anice, il vin santo, il miele, l’arancia e il limone. Caratterizzata da una lunga lievitazione naturale, sembra che la Schiacciata toscana sia nata nell’Ottocento: da allora non è mai cambiata. Le tradizioni sono una cosa seria.

Ciaramicola, Umbria – Tipica della provincia di Perugia, la Ciaramicola è un dolce pasquale a forma di ciambella, caratterizzata dal colore rosso – dovuto alla presenza dell’alchermes – dalla glassa bianca e dai confettini colorati posti come copertura. Il dolce, nella sua forma e nei suoi colori, rappresenterebbe proprio la città di Perugia e i suoi cinque rioni: Porta Sole, Porta Sant’Angelo, Porta Susanna, Porta Eburnea e Porta San Pietro. Tradizione vuole che nell’antichità le ragazze ancora nubili preparassero il dolce come regalo per i propri fidanzati.

Pastiera napoletana, Campania – La Pastiera Napoletana è oggi uno dei dolci più famosi d’Italia, in grado di superare ogni confine e orgogliosamente sostenuta da secoli di tradizioni e racconti. Partendo da una base di frolla, è realizzata grazie all’unione di ricotta, frutta candita, uova, grano bollito nel latte, zucchero, spezie e aromi come cannella e acqua di fiori d’arancio. Secondo la leggenda, la nascita della pastiera è legata alla sirena Partenope, la figura mitologica che spesso trascorreva il suo tempo cantando immersa nelle acque del golfo della città. Un giorno il suo canto commosse i cittadini a tal punto che decisero di portarle in dono ciò che avevano di più prezioso: gli ingredienti che oggi compongono la torta. Lei li portò agli dèi che, miracolosamente, li unirono creando la prima pastiera, dolce come la sua voce.

Cudduraci, Calabria – Sin dal tardo medioevo era uso in Calabria preparare dolci di varie forme, caratterizzati dalla presenza all’esterno di uno o più uova sode, legate alla simbologia della resurrezione. I Cudduraci calabresi, in particolare, sono preparati con farina, zucchero, lievito, burro e uova, normalmente hanno una forma arrotondata e sono decorati con intrecci che li fanno assomigliare a delle ghirlande o a dei cestini, perfettamente in tema con il periodo. Spesso sono aromatizzati con liquori a base di anice o amaretto, ma l’importante è che abbiano tutti una caratteristica fondamentale: un uovo sodo incastrato al centro, con tanto di guscio. Tradizione vuole che siano molto grandi, perché solitamente si preparano o si acquistano per essere regalati come simbolo di buon auspicio ad amici e familiari: in questi casi bisogna essere generosi!

Agnello pasquale, Sicilia – Il suo nome può trarre in inganno: non si sta parlando di un secondo, ma di una specialità ricca di zucchero tipica del comune di Favara, nell’agrigentino. Si tratta di un dolce a base di pasta di mandorle e pasta di pistacchio, ingredienti tipici dell’isola: il nome si deve alla sua forma che ricorda quella di un agnellino, comodamente accoccolato a terra. Inventato secoli fa dalle suore del Collegio di Maria di Favara, nel corso degli anni divenne un piatto tipico pasquale delle famiglie della zona, ma senza essere mai realmente commercializzato. Iniziò a diffondersi in tutta la provincia e anche in altre aree della Sicilia solo nella seconda metà del Novecento, quando si diffuse il fatto che fosse uno dei dolci più apprezzati da papa Giovanni XXIII: allora, i pasticceri della zona iniziarono a proporlo ai propri clienti.

Pàrdulas, Sardegna – Le Pàrdulas sarde sono delle piccole torte realizzate con una spessa pasta sfoglia di farina di semola e riempite di ricotta di pecora, zucchero e uova, un mix che è spesso aromatizzato con vaniglia, arancia o uvetta. In italiano vengono chiamate anche “formaggelle”, ma solo perché il loro ripieno ricorda vagamente quello della cheesecake. Tipiche del periodo pasquale e dell’area meridionale dell’isola, mescolano e utilizzano ingredienti caratteristici della cucina povera sarda portando sulle tavole il duro lavoro dei pastori in un giorno di festa.

 

Chi è Gnammo

Oltre 240.000 utenti registrati e 19.000 eventi creati in tutta Italia: questi i numeri di Gnammo, il portale italiano di social eating più grande e attivo che permette a chiunque, semplice appassionato o più esperto, di organizzare, o partecipare, a eventi culinari in casa, condividendo i posti a tavola con gli altri membri della community.

Nato dalla semplice domanda “Ma come sei bravo… Perché non apri un ristorante?” accoglie “gnammers” e cuochi che hanno scelto di scoprire e vivere un nuovo modo di stare assieme, in casa e attorno ad una tavola. Gnammo è il “luogo” di tutte le esperienze social legate alla tavola, punto di congiunzione tra tecnologia e cibo, che permette di fare nuove conoscenze a tavola con formule sempre diverse.

Maggiori informazioni su www.gnammo.com

Twitter: @gnammo

Facebook: facebook.com/gnammo

Instagram: instagnammo

DISCLAIMER

La redazione di Sinergicamentis dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post e si riserva il diritto di cancellare commenti offensivi, provocatori, inutili o di natura pubblicitaria. Gli utenti del sito che inseriscono commenti, dunque, se ne assumono la piena e totale responsabilità. Le immagini inserite nei post non sono opere degli autori degli articoli né sono di loro proprietà. Tali immagini, tratte dal web, vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.Infine, la Redazione di SinergicaMentis informa i propri autenti che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo (UE) 2016/679 (c.d. GDPR) relativo alla privacy ed in considerazione dell’importanza che riconosciamo alla tutela dei tuoi dati personali, ha provveduto ad aggiornare la nostra informativa privacy sulla base del principio della trasparenza e di tutti gli elementi richiesti dall’articolo 13 del GDPR.

SinergicaMentis su Twitter

In evidenza

Video del giorno